... «Riesco ancora a vedere in lontananza i fulmini, ma persino il rombo dei tuoni fa meno paura, da qui. Ma basta immergermi nelle pagine del mio libro, e non sento più nulla.»
"Ci eravamo incontrati perché doveva succedere, e anche se non fosse stato quel giorno, prima o poi ci saremmo sicuramente incontrati da qualche parte.
Naturalmente questa idea non si fondava su niente, ma era quello che sentivo.”
Haruki Murakami - Norwegian Wood (via mariofiorerosso)
©

Playlist

01. Ice


 Updates 

Ciao, pagina bianca, grazie per essere qui. Probabilmente non mi conosci, e nemmeno io conosco te. Siamo bianchi. Ma scommetto che se parlerai con me, qualcosa ci scriverò, su di te. Scriverò delle nostre chiacchere, dei nostri sorrisi, dei nostri scherzi con la penna blu, che preferisco, perché non è profonda e decisa quanto la nera. Non sono mancina, eppura mi macchio sempre, con l'inchiostro nero. Però quando litigheremo la userò eccome, la penna nera, di sicuro. Ed evidenzierò i momenti più belli con la penna rossa, così li ricorderò subito. Oh, e un giorno magari potrei persino disegnarti qualcosa. Uno di quegli schizzi che si fanno in classe, quandi si è sovrappensiero, oppure un cuore, proprio vicino al tuo nome, chi lo sa. Tanto per cominciare, ti dirò qualcosa su di me: mi piace scrivere, ma l'avrai già capito. Scriverò anche di te, se vorrai, in una delle mie storie. Se avrai un po' di tempo, se non avrai niente di meglio da fare, potrai sempre leggere questa mia prima storia. E magari per te non sarò più una pagina bianca, ma un libro aperto.